Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Rubriche
  • Le Ultimissime
  • VIA LIBERA ALLA FUSIONE 
DEI COMUNI DI VERMEZZO E ZELO SURRIGONE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO

VIA LIBERA ALLA FUSIONE 
DEI COMUNI DI VERMEZZO E ZELO SURRIGONE NELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO

Unanime via libera in Commissione Affari istituzionali presieduta da Alessandra Cappellari (Lega) alla fusione dei comuni di Vermezzo e Zelo Surrigone nella città metropolitana di Milano. Il progetto di legge, di cui è relatore Simone Giudici (Lega), rispettando le indicazioni della volontà popolare, conferma in Vermezzo con Zelo la denominazione del nuovo comune, che avrà una popolazione complessiva di 5mila e 773 abitanti.
I referendum consultivi si erano svolti lo scorso 30 settembre: a Vermezzo (su 3062 aventi diritto al voto) si sono recati alle urne 1467 cittadini, 942 dei quali si sono espressi a favore della fusione; a Zelo Surrigone i votanti sono stati 698 su 1421 aventi diritto, 434 dei quali hanno approvato la fusione.
La sede legale e operativa principale sarà presso il municipio di Vermezzo, mentre a Zelo Surrigone sarà presente lo sportello operativo per il pubblico collegato in rete con la sede principale. Nel municipio di Zelo Surrigone, oltre al front-office, troveranno spazio uffici che alleggeriranno la mancanza di spazio della sede operativa principale. Lo sportello per il cittadino nel municipio di Zelo Surrigone osserverà gli stessi orari della sede centrale e entrambe le sedi degli uffici potranno essere utilizzate da tutti i cittadini indipendentemente dal territorio in cui abitano. Sarà inoltre istituita la figura del Prosindaco in ciascuno dei due municipi aderenti alla fusione.
Il provvedimento andrà in aula per il voto finale nella seduta calendarizzata per martedì 29 gennaio. All’ordine del giorno della stessa seduta di consiglio regionale è previsto anche l’esame del progetto di legge per l’istituzione e l’adozione della bandiera e della fascia di Regione Lombardia: questo provvedimento definisce formalmente l’adozione della rosa camuna argentea su sfondo verde, che già sventola su tutti i pennoni regionali, come bandiera ufficiale di Regione Lombardia. Insieme alla bandiera viene istituita anche la fascia, come già avviene per sindaci e presidenti di provincia, da far indossare ai presidenti di giunta e consiglio (o loro delegati) durante le manifestazioni.
Dopo il parere favorevole già espresso la scorsa settimana in Commissione Cultura, il provvedimento sarà votato mercoledì prossimo 23 gennaio.

Tags: Milano Regione Lombardia Gennaio 2019

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa