Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Articoli
  • Retrospecchio
  • GLI "INCANTESIMI" DEL TEATRO ALLA SCALA CON 24 COSTUMI AFFASCINANO A PALAZZO REALE FINO AL 4 FEBBRAIO
  • 008

GLI "INCANTESIMI" DEL TEATRO ALLA SCALA CON 24 COSTUMI AFFASCINANO A PALAZZO REALE FINO AL 4 FEBBRAIO

È stata prorogata fino al 4 febbraio la mostra “Incantesimi. I costumi del Teatro alla Scala dagli anni Trenta a oggi”, che nelle sale degli Arazzi di Palazzo Reale di Milano espone ben 24 di questi costumi, normalmente custoditi nei magazzini del teatro. Promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e dall’Associazione Amici della Scala con la collaborazione del Teatro alla Scala, la mostra è curata dalla storica della scenografia teatrale ed esperta dei rapporti tra arti figurative e teatro musicale Vittoria Crespi Morbio, ed è nata per celebrare i quarant’anni di attività dell’associazione Amici della Scala, impegnata a valorizzare il patrimonio storico scaligero.

I costumi esposti sono realizzati dalle firme più celebri nella storia del teatro. Caramba, mago della Scala negli anni di Toscanini; Franco Zeffirelli, uomo di spettacolo tout court; Anna Anni, attenta e poetica indagatrice delle epoche storiche; i premi Oscar Piero Tosi, Gabriella Pescucci e Franca Squarciapino; Pier Luigi Pizzi, artefice di fasti barocchi; Gianni Versace, con le sue creazioni per Robert Wilson: sono solo alcuni dei nomi che in teatro hanno goduto della libertà di osare, sperimentando forme e materie nuove che solo la realtà immaginifica del palcoscenico rende possibili. Ogni costume rimanda alla creazione di storici spettacoli per la regia di Luchino Visconti, Giorgio Strehler, Luca Ronconi, Robert Wilson, Robert Carsen e molti altri; ad indossarli, divi quali Maria Callas, Renata Tebaldi, Carla Fracci, Rudolf Nureyev, Boris Christoff.

L’esposizione è una finestra sulla storia del costume che intende mostrare l’evoluzione del gusto e dello stile, l’inventiva di abbinamenti, tagli e tessuti attraverso la creatività dei più grandi costumisti e il lavoro delle maestranze scaligere. È nei laboratori della sartoria della Scala che sono stati prodotti, nel corso degli anni, abiti di scena unici nella storia dello spettacolo.

In concomitanza con la mostra, gli Amici della Scala pubblicano un omonimo libro dal grande formato di 24x30 cm e di 264 pagine. Il volume, dal costo di 35 euro, accoglie un ampio apparato iconografico con i reperti d'epoca, i bozzetti, i figurini, le immagini fuori e dentro il palcoscenico, i ritratti degli interpreti, le fotografie dei costumi esposti: un ventaglio spettacolare su mezzo secolo di storia del costume.

 

 

Tags: comune di milano Milano gennaio 2018 Teatro alla Scala teatro Amici della Scala

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa