Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

Ponti, l’eccellenza italiana dell’aceto all’Expo di Milano

Giacomo Ponti, amministratore  delegato dell’omonima sociatà

La Ponti, una delle aziende di famiglia più note e più longeve tra i marchi storici italiani fondata nel 1867 operante nella produzione d’aceto di vino, parteciperà all’Expo di Milano all’interno del Padiglione Italia. La Ponti racconterà la propria storia, il proprio saper fare e la tradizione dei propri prodotti: aceti di vino, aceto di mele e aceto balsamico di Modena IGP. Sempre in quest’area, nello spazio gestito dal «Consorzio Italia del Gusto», l’azienda sarà presente con altri prestigiosi marchi dell’alimentare italiano, per spiegare, grazie a video dedicati, l’eccellenza dei prodotti italiani, un saper fare che tutto il mondo ci invidia. «È sempre più evidente come l’internazionalizzazione dell’agroalimentare italiano sia la strada fondamentale per la crescita del settore, delle aziende e del Paese. Oggi esportiamo in 70 Paesi e il fatturato estero rappresenta per la nostra azienda il 22 per cento. Considerando il favore di cui godono i prodotti italiani all’estero c’è un potenziale di crescita enorme ed Expo 2015 in questo senso è un’occasione imperdibile», ha dichiarato Giacomo Ponti, amministratore delegato della società. Grazie all’acetaia di Vignola, ubicata nel cuore della zona di denominazione, Ponti ha contribuito enormemente allo sviluppo dell’immagine internazionale dell’aceto balsamico di Modena IGP, divenuto oggi uno dei prodotti bandiera del made in Italy, richiesto in tutto il mondo.


Tags: Maggio 2015 industria alimentare agroalimentare food alimenti internazionalizzazione

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa