Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

Corruzione. Finora le riforme non ne hanno facilitato

L’introduzione della nuova fattispecie tesa a reprimere il cosiddetto traffico di influenze consentirà di colpire la mediazione illecita di chi, fuori dai casi di concorso nei reati di cui agli articoli 318, 319 e 319 ter del codice penale, prometta a sé o ad altri, sfruttando le proprie relazioni con un pubblico ufficiale o con un incaricato di pubblico servizio, denaro o altro vantaggio patrimoniale col prezzo della propria mediazione illecita ovvero per remunerare il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio.
La pena prevista è la reclusione da uno a tre anni, aumentata se il soggetto che indebitamente fa dare o promettere, a sé o ad altri, denaro o altro vantaggio patrimoniale, riveste la qualifica di pubblico ufficiale o di incaricato di pubblico servizio. Stesso aumento se i fatti sono commessi in relazione all’esercizio di attività giudiziarie. Viene, inoltre, riformulata la disciplina della corruzione per esercizio della funzione. Sarà, quindi, punita con la reclusione da 1 a 5 anni la condotta del pubblico ufficiale che, per l’esercizio delle sue funzioni e poteri, indebitamente riceve, per sé o per un terzo, denaro o altra utilità o ne accetta la promessa (corruzione per l’esercizio della funzione). Se questi interventi sembrano andare nella giusta direzione, desta perplessità la tendenza alla parcellizzazione e all’eccessiva specificazione di fattispecie criminose.
Tuttavia, nonostante alcuni rilievi, è senza dubbio positiva l’attenzione del Guardasigilli per un tema così importante che si inserisce in un nuovo clima di rapporti tra magistratura e politica e tende finalmente ad adeguare le norme italiane a quelle comunitarie.
L’elevato tasso di corruzione è tra le cause dello stato di tensione della finanza pubblica e del ritardo in termini di efficienza, progresso e competitività dello Stato. Un intervento in materia di repressione dei fenomeni corruttivi e degli intrecci criminali tra politica ed economia è reso ancora più urgente dalla crisi economica che l’Italia attraversa e che potrà trovare un antidoto nel recupero di parte di quelle risorse oggi occultate e distolte. Le premesse sono positive, ma molto altro deve essere fatto.
Nel nostro ordinamento mancano, ed è una grave lacuna come ha sottolineato Piercamillo Davigo, norme che incentivino il pentimento e la rottura del patto di omertà tra corrotto e corruttore con la previsione di un’attenuante speciale o addirittura di una causa di non punibilità. Le riforme di questi anni non sempre sono andate verso una semplificazione dell’accertamento di fenomeni corruttivi e più in generale dei cosiddetti white collar crimes, spesso preludio e indicazione di malversazioni di denaro pubblico. Si pensi alla riforma del falso in bilancio del 2001 con la quale si sono abbassate le pene e si è resa più veloce la prescrizione introducendo soglie di non punibilità altissime soprattutto per le società non quotate, e rendendo tale reato perseguibile solo a querela della persona offesa.
La falsità dei bilanci nella maggioranza dei casi è rivelatrice di fondi occulti spesso impiegati per la commissione di ulteriori reati quale il pagamento di tangenti, il cui accertamento è stato reso così più difficile dall’intervento del legislatore. Inoltre è necessario intervenire in tema di prescrizione, adeguando la normativa interna a quella comunitaria e prevedendo la decorrenza dei termini solo fino all’inizio dell’esercizio dell’azione penale o fino alla sentenza di primo grado, razionalizzando e uniformando i termini.
Se tutto questo sarà fatto, si realizzerà un investimento vantaggioso sul piano economico, recuperando miliardi di euro, restituendo dignità e garantendo giustizia a imprenditori e cittadini onesti che sono le prime vittime di un sistema malato che altera il gioco della concorrenza e del mercato. Attendiamo fiduciosi il dibattito parlamentare augurandoci che la politica prenda coscienza della gravità del momento storico e superi barriere e steccati ideologici per giungere a un prodotto legislativo efficace e realmente utile.

Tags: corruzione codice penale diritto penale lotta alla corruzione Cosimo Maria Ferri magistratura Luglio - Agosto 2012

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa