Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

ANTONIO ARAGÓN RENUNCIO FOTOGRAFO DELL'ANNO PER UNICEF GERMANIA

Annunciati i vincitori 2018 del concorso fotografico “Foto dell’anno UNICEF”, iniziato nel 2000 con UNICEF Germania che, ogni anno, premia una fotografia o una serie fotografica di fotogiornalisti che documentano in modo straordinario personalità e circostanze in cui vivono i bambini. Il vincitore di quest’anno è il fotografo spagnolo Antonio Aragón Renuncio che ritrae un piccolo bambino del Togo, immortalando il coraggio e l’ottimismo dei bambini in difficili condizioni di vita.

Questo il messaggio della foto dell’anno UNICEF: ogni bambino conta – non importa dove e in quali condizioni sia nato, la sua etnia o religione, che sia in salute, malato o disabile. Innumerevoli bambini in tutto il mondo sono dimenticati, maltrattati o ignorati.

Il secondo e il terzo premio sono stati assegnati a foto che documentano la dualità della vulnerabilità e della forza dei bambini. Nella sua casa, in un campo per rifugiati, il fotografo del Bangladesh Turjoy Chowdhury ha ritratto i figli apolidi di genitori rohingya scappati dal Myanmar. Il terzo premio di quest’anno è stato assegnato alla fotografa israeliana Rina Castelnuovo per la serie di foto su un ragazzo palestinese dalla Striscia di Gaza: Muhi soffre di una malattia rara e può sopravvivere solo in Israele dove sono disponibili le cure mediche necessarie.

Qui le foto, incluse quelle degne di menzione speciale, ed il testo descrittivo (in inglese).

 

Togo: Every child matters © Antonio Aragón Renuncio, Spain (free lance photographer)

 

Tags: Unicef bambini arte fotografia Dicembre 2018

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa