Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Articoli
  • Articoli
  • Ansaldo Energia - Presentato il progetto del nuovo stabilimento di Cornigliano

Ansaldo Energia - Presentato il progetto del nuovo stabilimento di Cornigliano

Giuseppe Zampini, amministratore delegato di Ansaldo Energia

Ansaldo Energia ha presentato il progetto del nuovo stabilimento di Genova Cornigliano, destinato all’assemblaggio finale delle maxi turbine a gas frutto dell’acquisizione della tecnologia ex Alstom.
All’incontro, svoltosi presso lo stabilimento di Genova Fegino, hanno partecipato per il mondo istituzionale Marco Doria, sindaco di Genova, Giovanni Toti, presidente della Regione e Paolo Emilio Signorini, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale. Erano inoltre presenti Claudio Costamagna, presidente di Cassa depositi e prestiti, Guido Rivolta, amministratore delegato di Cdp Equity, principale azionista di Ansaldo Energia e Chen Xuewen, in rappresentanza di Shanghai Electric, partner cinese dell’azienda.
Durante il proprio intervento Giuseppe Zampini, amministratore delegato di Ansaldo Energia, ha sottolineato l’importanza dell’operazione che porta a Genova nuova capacità manifatturiera in controtendenza rispetto al panorama industriale del Paese. L’investimento complessivo è di 65 milioni di euro tra il nuovo stabilimento e l’adeguamento dell’esistente.
Questa è una tappa fondamentale nel percorso di crescita e di internazionalizzazione intrapreso da Ansaldo Energia in questi anni. Oggi il Gruppo dispone infatti di unità produttive e centri di ricerca in Svizzera, Florida, Regno Unito, Olanda, Emirati Arabi e Cina. L’esponente di Shanghai Electric, Chen Xuewen, che siede anche nel consiglio di amministrazione di Ansaldo Energia, ha sottolineato come la partnership tra le due realtà ha consentito al Gruppo di accedere al mercato cinese, acquisendo ordini per 15 turbine a gas, pari a circa a 4.200 megawattora di potenza in via di fornitura ed installazione, per una quota di mercato superiore al 33 per cento (market share 2015). Il contratto per le ultime due turbine a gas è stato firmato a margine della manifestazione. Nel corso dell’incontro è stato infine siglato un accordo di ricerca tra Ansaldo Energia e IIT, Istituto Italiano di Tecnologia, per lo sviluppo di nuove tecnologie robotiche.
Ansaldo Energia S.p.A. è il maggior produttore, installatore e service provider italiano di centrali elettriche e componenti ed è uno dei leader globali nel settore. Controllata dal fondo statale CdP Equity SpA (45 per cento) e da Shanghai Electric Corporation (40 per cento) e con 220 gigawattora circa installati in 90 nazioni, Ansaldo Energia è dedita a fornire ai propri clienti soluzioni innovative e affidabili avvalendosi delle proprie tecnologie per centrali elettriche e componenti.    

ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA E ANSALDO ENERGIA:  ACCORDO PER LO SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ROBOTICHE
Inoltre, Ansaldo Energia e l’Istituto Italiano di Tecnologia, hanno siglato un accordo per la realizzazione di nuove tecnologie in ambito robotico.
Il progetto della durata di 18 mesi, vedrà coinvolti otto ricercatori fra senior scientist, tecnici e post-doc dei dipartimenti di Advanced Robotics, diretto da Darwin Caldwel e Pattern Analisys e Computer Vision, diretto da Vittorio Murino. L’attività di ricerca riguarda lo sviluppo e la realizzazione di un sistema robotico di ispezione dei generatori elettrici e di un sistema di visione artificiale per il controllo della camera di combustione delle grandi turbine di Ansaldo Energia.
Il sistema robotico, attraverso il suo equipaggiamento di sensori di nuova generazione, sarà in grado di ispezionare i generatori elettrici per rilevare la causa di eventuali difetti o guasti e avrà la possibilità di adattarsi facilmente alle varie dimensioni e tipologie delle macchine esistenti.
Verrà realizzato pertanto un prototipo per un sistema di ispezione del rivestimento della camera di combustione della turbina al fine di aiutare l’operatore o sostituirlo in situazioni ad alto rischio. Tale tecnologia rappresenterebbe il primo sistema di ispezione automatico di questo tipo di impianti.
L’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) è un centro di ricerca pubblico che adotta il modello della Fondazione di diritto privato, sotto la vigilanza di MIUR e MEF, istituito con la Legge 326/2003, con l’obiettivo di promuovere l’eccellenza nella ricerca di base e in quella applicata e di favorire lo sviluppo del sistema economico nazionale.  

Tags: Gennaio 2017 Ansaldo Energia

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa