Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

arte ed energia: una rete di solidarieta'

Una delle opere d’arte contemporanea presentate al Premio Terna

Per Terna l’impegno culturale è l’impegno alla creazione di valore per il Paese: su questa premessa l’azienda, guidata da Flavio Cattaneo, Amministratore Delegato e Luigi Roth Presidente, che possiede e gestisce la rete elettrica italiana di trasmissione dell’energia in Alta Tensione, ha lanciato nel 2008 il Premio Terna per l’arte contemporanea in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Terna ha invitato di anno in anno gli artisti a esprimere la propria creatività su un tema legato alla trasmissione dell’energia nell’arte, rielaborando simbolicamente la propria missione industriale al servizio della collettività con l’obiettivo di suggerire interpretazioni creative, trasversali, di impegno sociale e culturale.
La valorizzazione del talento è alla base della forte partecipazione degli artisti che nelle prime quattro edizioni hanno iscritto circa 10 mila opere d’arte. Già nelle prime edizioni il Premio si è affermato come punto di riferimento per gli artisti, dai big agli emergenti, e ha creato nuove sinergie tra aziende, mondo dell’arte, istituzioni, cultura ed economia. Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio di numerose e importanti istituzioni nazionali e locali, è diventato negli anni un privilegiato punto di osservazione sulla società creativa italiana e il principale progetto di collaborazione privato-pubblica sulla contemporaneità.
Al centro, l’utilizzo del web come unico canale di partecipazione, un montepremi tra i più alti in Europa, la creazione di un osservatorio permanente sul settore con indagini qualitative e quantitative a disposizione del pubblico.
La piattaforma online del Premio Terna, già visitata da oltre 8 milioni di utenti, è quindi un palcoscenico per gli artisti e le loro opere, che possono essere scoperti da curatori, gallerie e addetti ai lavori: la più grande raccolta in Italia di opere d’arte contemporanea, completa di curricula e profili degli artisti, una «vetrina intelligente» con gallerie virtuali, schede informative, fiere in 3d ed eventi social. Sono circa 170 mila le persone iscritte alla newsletter. Il Premio Terna è stato invitato, quale esempio di successo ed eccellenza imprenditoriale e culturale italiana, ad esporre a New York e successivamente a Shanghai rientrando nell’ambito delle iniziative organizzate dal nostro Paese per l’Expo 2010. Nell’anno della Cultura Italiana in Russia, il Premio è stato invitato ad esporre le opere degli artisti italiani presso uno dei più rilevanti centri di contemporanea del Paese.

premio terna 2013

Si è tenuta la quinta edizione del Premio Terna per l’arte contemporanea «Essere o non Essere. Con gli Altri. La Rete Sociale a regola d’Arte»  curata da Cristiana Collu e Gianluca Marziani. Il Premio si è presentato nel 2013 con una speciale edizione dedicata alla relazione tra l’uomo e la solidarietà e con un’organizzazione dinamica, in linea con la continua evoluzione della scena dell’arte contemporanea.
Il nuovo sito del Premio è ancora una volta una piattaforma sulla quale «si può e si deve» fare rete.
«In continuità con il Protocollo d’Intesa siglato con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, abbiamo rinnovato il nostro impegno di promozione e sostegno alla cultura e alla comunità–ha dichiarato il presidente di Terna, Luigi Roth­–con un’edizione speciale del Premio Terna che, per la prima volta, incoraggia una forma innovativa di solidarietà d’autore. Oggi più che mai­–ha proseguito Roth–sappiamo che la sinergia tra cultura, società e impresa è non solo possibile, ma anche indispensabile. Il montepremi è stato devoluto a favore di uno dei progetti finalisti del Sodalitas Social Innovation, nella categoria Territorio ed emarginazione sociale, focalizzato sul tema della solidarietà intergenerazionale». Le 15 opere finaliste e i vincitori sono ora in mostra nel Tempio di Adriano di Roma, appuntamento «storico» con il Premio Terna nel periodo natalizio, fino a metà gennaio 2014. Vanessa Alessi, con l’opera «W-Hole», Pierpaolo Curti con l’opera «Crazy Lines#2», Elisabetta Di Sopra con l’opera «Family», Andrea Dojmi con l’opera «Eden Olympia», Francesco Irnem con l’opera «Orizzonte su orizzonte man mano che il tempo si autocancella», Gianni Moretti con l’opera «Primo esercizio di Protezione», Massimiliano Pelletti con l’opera «Moss», Valerio Rocco Orlando con l’opera «14.12 (Roma)», David Reimondo con l’opera «Poesia di 3 metri: io e gli altri», Michele Spanghero con l’opera «Ad Lib», Michele Tajariol con l’opera «Klingensammlung», Enzo Umbaca con l’opera «Transenna», Gianluca Vassallo con l’opera «Next», Devis Venturelli con l’opera «Suburban Rhapsody», Lucia Veronesi con l’opera «Difesa personale».
Coinvolta nella scelta dei vincitori una Giuria di collezionisti di primo piano nel panorama italiano e internazionale: Pietro Caccia Dominioni, Anna Rosa e Giovanni Cotroneo, Giorgio Fasol, Camilla Nesbitt, Giuseppina Panza di Biumo, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo. Al loro fianco l’artista Daniela De Lorenzo, vincitrice della precedente edizione del Premio.  

Tags: Gennaio 2014

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa