Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

GARDASOLAR: BARCHE ALIMENTATE DALL'ENERGIA DEL SOLE

Cigno, scoiattolo, cerbiatto e squaletto sono i simboli delle quattro nuove imbarcazioni “GoGo” prodotte dalla startup trentina GardaSolar e inaugurate sul Lago di Moleve: imbarcazioni il cui motore invece che da gasolio di origine da fonti fossile è alimentato da un pannello solare in grado di generare 320 watt. Emissioni zero quindi, rispettosa dell'ambiente e animali, visto che oltre a non inquinare, non avendo vibrazioni rispetta la quiete di pesci e uccelli.

Sono realizzate in polietilene, un materiale riciclabile al 100%, e sono mosse da un motore elettrico alimentato con batterie, eventualmente integrabile con un sistema fotovoltaico. La velocità raggiunta è di 5 nodi, 3 nodi quella di crociera. L’autonomia della batteria può variare dalle 3 ore alla giornata completa. Per quanto riguarda le imbarcazioni presenti a Molveno, il consumo è di circa 400 watt all’ora.

“Le batterie delle nostre barche sono alimentate dai pannelli solari presenti sulla copertura della piscina. Questo ci ha permesso – spiega Lorenzo Donini della Società Turistica di Molveno – di avere un completo ciclo green, in linea con il lavoro che stiamo facendo per un’offerta turistica sempre più sostenibile che ci ha già portato a conquistare le 5 vele di Legambiente. Abbiamo scelto di acquistare queste nuove imbarcazioni per offrire la possibilità di navigare senza fatica e in completo silenzio. Sono molto apprezzate e stiamo valutando di ampliarne la flotta di altre quattro”.

GardaSolar nasce quasi per caso dall’idea di due amici, Alessio Zanolli e Alberto Pozzo, rispettivamente artigiano e ingegnere aerospaziale. “Un giorno, sulle rive del Garda, ci siamo messi a pensare ad una imbarcazione che permettesse a chiunque di navigare in sicurezza, senza rumori e senza impatto ambientale – racconta Alessio Zanolli – La nostra GoGo non è un adattamento di una normale barca, ma è stata progettata e sviluppata a partire dal suo essere elettrica, dal design agli aspetti tecnici. Questa è la sua forza”.

Forti della propria idea d’impresa i due giovani, originari del Veronese, hanno puntato al Trentino per via degli strumenti di sostegno all’innovazione. Così, dopo aver vinto il Premio D2T Start Cup nel 2009, hanno fondato l’azienda GardaSola, con la quale sono stati ammessi anche al Bando Seed Money-FESR, grazie al quale hanno potuto sviluppare il prodotto e immetterlo sul mercato. Entrambi i bandi sono in corso proprio in questi mesi e aspettano nuove idee da sostenere.

Oggi le imbarcazioni GardaSolar nel mondo sono già una sessantina, di cui una decina in Italia tra Trentino, Piemonte e Veneto e le altre all’estero, dall’Olanda alla Gran Bretagna, dalla Francia a Dubai. Il primo cliente è stato trentino, l’Hotel du Lac di Levico, che nel 2013 ha acquistato la prima barca elettrica e l’anno scorso ha implementato l’offerta con il nuovo modello a energia solare.

Dall’avvio dell’attività, l’impresa è riuscita a raddoppiare il fatturato di anno in anno e per il 2017 stima di vendere circa 30 barche e chiudere a quota 350 mila euro. Per il futuro l’obiettivo è la vendita di circa 100 GoGo ogni anno.

Tags: fiera del garda Luglio Agosto 2017 GardaSolar Alberto Pozzo Società Turistica di Molveno polietilene fotovoltaico

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa