back


RETRO
SPECCHIO

 

200 NUOVI POSTI DI LAVORO
NEL NUOVO ACQUARIO DI ROMA


Pesce pagliaccio in un anemone

Oltre 200 nuovi posti di lavoro, 700 posti auto, un milione di visitatori stimati all’anno, una superficie di 14 mila metri quadrati totali, un investimento di 80 milioni di euro: sono alcuni numeri dell’Acquario di Roma Sea Life Expo la cui apertura è prevista per il prossimo giugno 2012 e in costruzione sotto il laghetto artificiale del quartiere Eur, in un involucro acrilico trasparente a tenuta stagna. Secondo Aldo Vigevani, direttore del Merlin Entertainments Group Italia, la struttura rappresenterà un consistente sostegno per l’economia romana. 30 grandi vasche con oltre un milione di litri d’acqua ospiteranno 5 mila esemplari appartenenti ad oltre 100 specie acquatiche provenienti da tutti i mari: cavallucci e stelle marine, razze, meduse e affascinanti squali; nei 90 minuti previsti per la visita, i visitatori potranno passeggiare in un avveniristico tunnel oceanico. Accanto all’Acquario sorgerà l’Expo, un’area espositiva dedicata ai pesci robot e a progetti di educazione scientifica e ambientale, e dell’Auditorium. «L’Acquario di Roma è unico nel suo genere; porterà naturali benefici a tutta la città, le ricerche di mercato evidenziano una notevole aspettativa a livello mondiale», ha spiegato il presidente della Mare Nostrum Romae Domenico Ricciardi. L’Italia, con oltre 4,3 milioni di ospiti, è già tra i primi 20 Paesi con parchi di divertimento in Europa. Per il 2012 il Sea Life si impegna a raccogliere fondi per finanziare la costruzione sull’isola greca di Zacinto di un ospedale per le tartarughe caretta, ormai a rischio estinzione. L’Expo occuperà un’area di 10 mila metri quadrati, nell’Auditorium di 400 posti saranno proiettati i filmati in 3D stereoscopico, un’ampia area sarà dedicata ai servizi e una sezione al museo del Mediterraneo. I pesci robot sono costituiti da strutture meccaniche rivestite da pelli artificiali in lattice, in grado di raggiungere effetti di straordinaria somiglianza e dotati di sensori che permettono di muoversi autonomamente, riproducendo i movimenti tipici della specie. Secondo il ministro del Turismo Piero Gnudi, l’apertura di un Acquario di simili dimensioni, concepito con caratteristiche architettoniche e tecnologiche all’avanguardia, non può che ampliare ulteriormente l’offerta, puntando al turismo familiare, ludico e didattico; la città di Roma deve confrontarsi con le altre capitali europee e deve crescere turisticamente in un quadro internazionale in continua evoluzione. (Elis. Man.)
back