back


RETRO
SPECCHIO

 

SEVICOL, PORTALE ANTICRISI
AL SERVIZIO DEGLI ENTI RELIGIOSI


Dino Passeri, uno degli ideatori
del portale sevicol.it

 

Qual è il cliente ideale per le aziende? «L’ente cattolico, perché non mortifca il fornitore con richieste di sconti esose ed è affidabile, in più, se è una parrocchia, favorisce il territorio nel quale è presente per l’attenzione che ha verso i suoi parrocchiani». E il datore di lavoro ideale? «L’ente cattolico perché anche in tempi di crisi segue il principio di non licenziare, ed anche per questi motivi gli enti cattolici in Italia faticano a sopportare la crisi economica», hanno spiegato Matteo Wingfield e Dino Passeri, ideatori di www.sevicol.it, il portale al servizio delle comunità, durante la Settimana della Vita Collettiva, la fiera per il mondo religioso organizzata da 50 anni da Sevicol a Roma e la cui scorsa edizione si è svolta a fine novembre. Due aspetti salienti emersi dalla ricerca sugli acquisti commissionata dal portale sul tema «Mondo cattolico, terzo settore e comunità: il rapporto con il mercato in tempi di crisi economica». Lo studio ha messo in luce l’esistenza di un’«emergenza risparmio» degli enti religiosi che vorrebbero fronteggiarla salvaguardando gli aspetti etici della loro azione, e di significative differenze tra parrocchie e altre entità. «Il portale sevicol.it vuole rispondere ai nuovi bisogni di parrocchie ed altri enti religiosi nel momento dell’acquisto, attraverso nuovi strumenti di dialogo e incontro tra questi clienti e le aziende fornitrici», hanno spiegato Passeri e Wingfield. Come trovare fornitori di fiducia? «Fare acquisti con il Circuito Sevicol, servizio che, oltre a offrire sconti e promozioni, garantisce la destinazione di parte dell’incasso a progetti di solidarietà», la risposta.

back