chiudi
RETROSPECCHIO

Tetto fotovoltaico sulla Chiesa di San Giacomo a Verona

La Chiesa dal tetto fotovoltaico


Costretta a ristrutturare il tetto della Chiesa di San Giacomo Maggiore a Verona, dalla caratteristica superficie curva, la Parrocchia ha appreso dalla Iscom, azienda partner dell’United Solar Ovonic che produce moduli flessibili, la possibilità di realizzare un impianto fotovoltaico contestualmente ai lavori di ristrutturazione. «La proposta è stata immediatamente accolta dal parroco Don Renzo Beghini che stava affrontando, assieme al progettista arch. Visioli, lo studio per la manutenzione straordinaria della copertura della chiesa–riferisce l’ing. Targa, responsabile dell’Ufficio tecnico della Iscom–. L’impianto, conforme ai requisiti del GSE per l’integrazione architettonica, è stato realizzato nel giro di un mese e attualmente garantisce il risparmio energetico stimato in fase di progettazione, vale a dire di circa il 35-40 per cento. I moduli fotovoltaici sono stati applicati sul nostro supporto in alluminio, dando vita a un prodotto che in tre semplici passaggi diventa un tutt’uno con la copertura». Tra i fattori che hanno determinato la scelta dei moduli figura la particolare struttura curva del tetto richiedente l’applicazione di moduli che potessero integrarsi perfettamente con l’architettura dell’edificio per un effetto a scomparsa da indiscutibili vantaggi estetici. L’installazione permette alla Chiesa di San Giacomo di produrre buona parte dell’energia necessaria al funzionamento dell’oratorio e delle strutture sportive gestite dalla Parrocchia. La potenza complessiva è di 13.056 kWp. Il prossimo passo sarà l’installazione di un impianto geotermico che farà della Chiesa di San Giacomo una realtà sempre più d’avanguardia.
chiudi