chiudi
RETROSPECCHIO

Il PL 3000, ovvero
il lettore di codici a barre del 2000


Il nuovo computer palmare della Nordic ID

Dotata di vent’anni di esperienza nello sviluppo di terminali palmari, la società finlandese Nordic ID è ora una delle prime aziende a introdurre sul mercato un computer palmare, il PL 3000, concepito per un innovativo sistema di raccolta dati. «È più piccolo e più leggero degli altri lettori realizzati finora, si può dire che sia il primo vero lettore mobile che utilizza la banda di radiofrequenza europea», spiega il direttore Marketing dell’azienda Teemu Ainasoja. Del peso di soli 500 grammi, grazie al basso consumo energetico e al particolare design il PL 3000 può essere usato per lunghi periodi con una sola mano. Il sistema di raccolta dati impiegato, denominato Rfid, nei prossimi anni rivoluzionerà, nella vendita al dettaglio, la codificazione dei prodotti, proprio come fecero i tradizionali codici a barre introdotti per la prima volta negli anni 70. Con il sistema Rfid i prodotti vengono identificati grazie a speciali etichette radio lette mediante strumenti palmari, come il PL 3000 e altri dispositivi. Quando le etichette passano attraverso un campo di radiofrequenza indicato con le iniziali RF, generato da un lettore compatibile, esse trasmettono a questo le informazioni memorizzate nel loro interno, consentendone l’identificazione e fornendo dettagli sull’oggetto cui esse sono applicate. Grazie al sistema Rfid sarà possibile aumentare a un nuovo livello di prestazioni l’automazione della logistica nella vendita al dettaglio. Nella prima fase d’introduzione del sistema Rfid saranno etichettati i pallet, in un secondo momento le etichette saranno applicate ai singoli prodotti. Gli usi più comuni saranno la registrazione dei prodotti consegnati alla produzione, la raccolta delle informazioni relative alle merci ricevute e inviate nel reparto logistica, la raccolta delle informazioni sui prodotti nei punti vendita. Il PL 3000 è resistente in quanto è concepito per un impiego prolungato e in condizioni anche difficili. (Laura Binar.)

chiudi